Vita sociale a Forlì nel Ventennio

di Matteo Troilo

La Romagna e la città di Forlì hanno rappresentato un laboratorio fondamentale per il regime fascista nella costruzione del consenso. Essenziali in questo processo sono state le costruzioni pubbliche messe in piedi sia per favorire la modernizzazione della società, sia per creare luoghi di aggregazione utili al consenso. Forlì presenta monumenti ed edifici simbolo di questa particolare politica i quali possono essere “letti” in vari modi. Uno di questi è quello di focalizzare l’attenzione sulla vita quotidiana legata a questi punti della città. L’obiettivo di questo percorso è quindi quello di raccontare alcuni aspetti della vita sociale forlivese nel ventennio legati ai monumenti e ai palazzi, spesso non raccontati dalle cronache del regime. Lavori pubblici Forli

 

Si partirà dall’immagine ufficiale data dal regime per cercare invece quella reale attraverso la lettura di documenti, foto e testimonianze. Si è dato inoltre importanza a delle parole chiave relative al fascismo e alla vita quotidiana nel ventennio. Ogni parola chiave mostra un aspetto dell’immagine ufficiale del regime e un aspetto, spesso opposto, della vita quotidiana cittadina. Le parole chiave su cui si è lavorato sono: Luoghi della memoria, Economia, Istruzione, Famiglia, Tempo libero, Servizi e lavori pubblici, Assistenza e previdenza, Luoghi del potere, Religione, Sanità, La piazza, La guerra.