Monumenti

Ex-Casa del mutilato

  Intitolata all’eroe di guerra Fulcieri Paulucci di Calboli, la nuova Casa fu realizzata nel 1933 da Cesare Bazzani. L’edificio fu concepito come un ideale tempio di aspetto aulico ristrutturando la sede della Massoneria forlivese e posto su quella strada che il fascismo aveva consacrato come strada degli eroi. Dotato di un apparato decorativo “parlante”, [...]

Ex-Stabilimento S.I.T.A.

  Per promuovere i collegamenti interregionali, la Società Italiana Trasporti Automobilistici (S.I.T.A.), che apparteneva al gruppo FIAT, consolidò nel 1935 la sua permanenza in città con la costruzione di una grande autorimessa. L’edificio di natura industriale venne affidato al geom. Alberto Flamigni, e fu realizzato in cotto con un basamento in travertino. La caratteristica e [...]

Istituto Tecnico Industriale Statale “Guglielmo Marconi” (Ex- I.T.I.S. “Alessandro Mussolini”)

  Commissionato da Benito Mussolini, al fine di dare alla città un nuovo centro educativo la cui importanza doveva estendersi oltre il territorio locale, il complesso fu progettato dall’ing. Arnaldo Fuzzi. Destinato ad un bacino di 1.000 studenti doveva  fornire un luogo dove studiare e lavorare grazie alla realizzazione di aule attrezzate sulla base di [...]

Asilo Santarelli

  Dedicato alla munificenza dei fratelli Apelle e Antonio Santarelli, l’edifico fu inaugurato solennemente due volte: nel 1937 da Rachele Mussolini e nel 1938 dalla Regina d’Italia Elena. Progettato dall’ing. Guido Savini il complesso è articolato in tre blocchi che avvolgono una corte interna, chiusa sul quarto lato da un più basso porticato ad archi [...]

Ex Collegio Aeronautico “Bruno Mussolini”

Progettato da Cesare Valle, il complesso ebbe una vicenda costruttiva che dal 1934 si protrasse fino al 1941. Destinato inizialmente e per il solo corpo sul viale Roma a collegio di preparazione propedeutica all’Accademia romana di Educazione Fisica, nel 1936 fu ampliato fino al viale Benito Mussolini per accogliere l’Accademia femminile di Educazione Fisica. Nel [...]

Istituto Statale d’Arte (Ex-Scuola Elementare Sandro Italico Mussolini)

  Per ovviare alle carenze delle strutture educative forlivesi, nel 1940 Benito Mussolini fece destinare personali e cospicue risorse, in occasione della ricorrenza del centenario della locale Cassa dei Risparmi, per la costruzione di questo edificio scolastico, realizzato dal 1940 al 1943. La scelta della località fu riconosciuta idonea perché, per la vicinanza al fiume [...]

Monumento ai caduti

  Progettato da Cesare Bazzani è una delle maggiori opere simboliche realizzate dal regime fascista, esemplare modello di comunicazione fatta per simbologie e reminiscenze di un tempo bellico, eroico e glorioso. Il monumento è costituito da una colonna onoraria in stile dorico, realizzata in cemento armato cavo ed esternamente rivestita da pietra di Trani, alta [...]

Palazzo del Governo

  Il seicentesco palazzo Paulucci Piazza ebbe completato il fronte verso il Duomo dall’arch. Leonida Emilio Rosetti per interesse della municipalità che dal 1924 lo voleva adattato a nuova sede del Palazzo di Giustizia. Nel 1933 per ordini ministeriali ebbe la nuova destinazione a palazzo del Governo e affidato alla progettazione di Cesare Bazzani che [...]

Palazzo Poste e Telegrafi

  Ricevuto l’incarico nel 1931, Cesare Bazzani propose di costruire l’edificio sul lato nord della piazza Saffi, demolendo alcuni palazzi settecenteschi preesistenti e arretrando il fronte del nuovo edificio di circa 15 mt. , per rendere maggiore visibilità alla basilica di San Mercuriale. Chiaro esempio di eclettismo ispirato a reminescenze neocinquecentiste, l’edificio si mostra come [...]

Palazzo di Giustizia

  Nel 1937, per intervento diretto di Mussolini fu bandito un concorso per la definitiva sistemazione del palazzo di Giustizia da collocarsi sull’area di demolizione di due antichi isolati di impianto medioevale. Il progetto prescelto fu quello dell’architetto Francesco Leoni, gravitante nell’ambito progettuale piacentiniano e portatore, nonostante le successive modifiche, dell’espressione di quel razionalismo monumentalizzato, [...]